Il Sigillo del Fuoco
Collegati su, svelto!
Non sei registrato?!?
Fallo subito!!
Il Sigillo del Fuoco


 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 il Teatro di Eduardo: tratto da Napoli Milionaria "Ha da passà a nuttata"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Cicirici
Piccolo Pensatore
Piccolo Pensatore


Messaggi : 23
Data d'iscrizione : 11.11.10

MessaggioTitolo: il Teatro di Eduardo: tratto da Napoli Milionaria "Ha da passà a nuttata"   Dom 23 Gen 2011, 21:16

Gennaro è rimasto fermo, in piedi, fissando il suo sguardo da giudice su sua moglie. Amalia lo avverte e ne riceve quasi un senso di fastidio. Infine, esasperata, è proprio lei che rompe il silenzio con una reazione quasi aggressiva.

Amalia:" E pecché me guarde? Aggio fatto chello che hanno fatto ll'ate. Chell c'hann fatt tutt quant! Me so' aiutata, me so' difesa... E tu pecché me guarde e nun parle? 'A stammatina tu me guarde e nun parle. Che colpa me può da'? Che t'hanno ditto?"
Gennaro : (che a qualunque costo avrebbe voluto evitare la spiegazione)." Aggia parla'? Me vuo' sèntere proprio 'e parla'? E io parlo." (Rivolto a '0 Miezo Prèvete) "Miezo Pre', aggio pacienza, vattenne, ce vedimmo dimane mmatina."
'O Miezo Prèvete : (alzandosi e mettendo a posto la sedia) "Buona nottata." (Esce).
Gennaro : "Ricordate 'a mmasciata."
'O Miezo Prèvete:" Va bene."
Gennaro : (chiude il telaio a vetri e lentamente si avvicina alla donna. Non sa di dove cominciare; guarda la camera della bimba ammalata e si decide) "Ama', nun saccio pecché, ma chella criatura ca sta llà dinto me fa penza' 'o paese nuosto." (fa una pausa)
"Io so' turnato e me credevo 'e truva' 'a famiglia mia o distrutta o a posto, onestamente. Ma pecché?... pecché io turnavo d' 'a guerra... Invece, ccà nisciuno ne vo' sentere parla'. Quann'io turnaie 'a ll'ata guerra, ti ricordi Ama'? chi me chiammava 'a ccà, chi me chiammava 'a llà. Pe' sape', pe' sentere 'e fattarielle, gli atti eroici... Tant'è vero ca, quann'io nun tenevo cchiù che dicere, me ricordo ca, pe' m' 'e lleva' 'a tuorno, dicevo buscìe, cuntavo pure cose ca nun erano succiese, o ca erano succiese all'ati surdate... pecché era troppa 'a folla, 'a gente ca vuleva sèntere... 'e guagliune... (Rivivendo le scene di entusiasmo di allora) 'O surdato! 'Assance sèntere, conta! Fatelo bere! Il soldato italiano! Ma mo pecché nun ne vonno sèntere parla'? Primma 'e tutto pecché nun è colpa toia, 'a guerra nun l'he' vuluta tu, e po' pecché 'e ccarte 'e mille lire fanno perdere 'a capa... (Comprensivo) Tu ll'he' accuminciate a vede' a poco 'a vota, po' cchiù assale, po' cientomila, po' nu milione... E nun he' capito niente cchiù..." (Apre un tiretto del comò e prende due, tre pacchi di bi¬glietti da mille di occupazione. Li mostra ad Amalia)
Gennaro: "Guarda Ama'. A te t'hanno fatto impressione pecché ll'he' viste a ppoco 'a vota e nun he' avuto 'o riempo 'e capi' chello ca capisco io ca so' turnato e ll'aggio viste tutte nzieme... A me, vedenno tutta sta quantità 'e carte 'e mille lire me pare nu scherzo, me pare na pazzia... (Ora alla rinfusa fa scivolare i biglietti di banca sul tavolo sotto gli occhi della moglie) Tiene mente, Ama' : io 'e ttocco e nun me sbatte 'o core... E 'o core ha da sbattere quanno se toccano 'e ccarte 'e mille lire... (Pausa) Che t'aggi' 'a di'? Si stevo cca, forse perdevo 'a capa pur'io... A mia figlia, ca aieressera, vicino 'o lietto d' 'a sora, me cunfessaie tutte cosa, che aggi' 'a fa'? 'A piglio pe' nu vraccio, 'a metto mmiez' 'a strada e le dico: - Va fa' 'a malafemmena? - E quanta pate n'avesser' 'a caccia 'e figlie? E no sulo a Napule. Ma dint' 'a tutte 'e paise d' 'o munno. A te ca nun he' saputo fa' 'a mamma, che faccio, Ama', t'accido? Faccio 'a tragedia? (Sempre più commosso, saggio) E nun abbasta 'a tragedia ca sta scialanno pe' tutt' 'o munno, nun abbasta 'o llutto ca purtammo nfaccia tutte quante... E Amedeo? Amedeo che va facenno 'o mariuolo?"

Amalia trasale, fissa gli occhi nel vuoto. Le parole di Gennaro si trasformano in immagini che si sovrappongono una dopo l'altra sul volto di lei. Gennaro insiste.

Gennaro: " Tu mo he' capito Ama' o vi? E io aggio capito che aggi' 'a sta' ccà. Cchiù 'a famiglia se sta perdenno e cchiu 'o pate 'e famiglia ha da piglia' 'a responsabilità. (Ora il suo pensiero corre verso la pìccola inferma). E se ognuno putesse guarda' 'a dint' 'a chella porta... (mostra la prima a sinistra) ogneduno se passaria 'a mano p' 'a cuscienza... Mo avimm'aspetta', Ama'... S'ha da aspetta'. Comme ha ditto 'o dottore? Deve passare la nottata." (E lentamente si avvia verso il fondo per riaprire il telaio a vetri come per rinnovare l'aria).
Amalia: (vinta, affranta, piangente, covre risvegliata da un sogno di incubo) "Ch'è ssuccieso... ch'è ssuccieso..."
Gennaro: (facendo risuonare la voce anche nel vicolo)" 'A guerra, Ama'!"
Amalia: (smarrita) "E che nne saccio? Che è ssuccieso!"

Maria Rosaria, dalla prima a sinistra, recando una ciotolina con un cucchiaio, si avvia verso la «vinella».

Gennaro: " Mari', abbi pazienza portame nu poco e cafè, na meza tazzina ca teng na bocca amara.."
Amalia : (rievocando a se stessa un passato felice di vita semplice) " 'A matina ascevo a ffa' 'o ppoco 'e spesa... Amedeo accumpagnava a Rituccia a scòla e ghieva a fatica'... Io turnavo 'a casa e cucenavo... Ch'è ssuccieso... 'A sera ce assettavamo tuttu quante attuorno 'a tavula e primma 'e mangia' ce facevamo 'a croce... Ch'è ssuccieso... " (E piange in silenzio).
Amedeo: (entra lentamente dal fondo. Guarda un po' tutti e chiede ansioso) "Comme sta Rituccia?"
Gennaro: (che si era seduto accanto al tavolo, alla voce di Amedeo trasale. Il suo volto s'illumina. Vorrebbe piangere, ma si domina) "S'è truvata 'a mmedicina. "(Si alza e dandosi un contegno, prosegue)" 'O duttore ha fatto chello ch' avev' 'a fa'. Mo' ha da passa' 'a nuttata." (Poi chiede con ostentata indifferenza) " E tu? nun si' ghiuto 'appuntamento?"
Amedeo: (timido)" No. Aggio pensato ca Rituccia steva accussì e me ne so' turnato. Pareva brutto."
Gennaro: (con lieve accento di rimprovero) "Era brutto. Damme nu bacio." (Amedeo bacia Gennaro, con effusione) "Va' te miette nu poco vicino 'o lietto d' 'a piccerella ca tene 'a freva forte, le faie cumpagnia."
Amedeo: "Sì, papà." (Si avvia).
Gennaro (fermandolo) "E si Rituccia dimane sta meglio, t'accumpagno io stesso 'a Cumpagnia d' 'o Gas, e tuorne a piglia' servizio."
Amedeo (convinto) "Si, papà." (Ed esce per la prima a sinistra).

Maria Rosaria ha riscaldato il caffè e ora porge la tazzina al padre. Gennaro la guarda teneramente. Avverte negli occhi della fanciulla il desiderio d'un bacio di perdono, così come per Amedeo. Non esita. L'avvince a sé e le sfiora la fronte. Maria Rosaria si sente come liberata e, commossa, esce per la prima a sinistra. Gennaro fa l'atto di bere il suo caffè, ma l'atteggiamento di Amalia stanco e avvilito gli ferma il gesto a metà. Si avvicina alla donna e, con trasporto di solidarietà, affettuoso, sincero, le dice:

Gennaro: "Teh... Pigliate nu surzo 'e cafè..." (Le offre la tazzina).

Amalia accetta volentieri e guarda il marito con occhi interrogativi nei quali si legge una domanda angosciosa: «Come ci risaneremo? Come potremo ritornare quelli di una volta? Quando?» Gennaro intuisce e risponde con il suo tono di pronta saggezza.
Gennaro:"S'ha da aspetta', Ama'. Ha da passa' 'a nuttata." (E dicendo questa ultima battuta, riprende posto accanto al tavolo come in attesa, ma fiduciosa).

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
il Teatro di Eduardo: tratto da Napoli Milionaria "Ha da passà a nuttata"
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» A.A.A. ALBO GESTORI NAPOLI CERCASI
» 24 febbraio, Napoli: seminario gratuito presso la sede della Regione Campania
» corsi di teatro per ragazzi disabili a MIlano?
» DUBBI MUD-GIDAR NAPOLI CAMPANIA
» STORIA DEL TEATRO GRECO E LATINO TOTARO

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il Sigillo del Fuoco :: Poesia-
Andare verso: